2 August 2011

Baldo Speziale: le melodie della montagna, le malghe e i formaggi conquistano i turisti

AVIO (MONTE BALDO, TRENTINO) – Ha ottenuto un successo di pubblico la prima giornata “Di Malga in Malga cantando e degustando”, l’evento che ha portato centinaia di persone a conoscere la magica atmosfera musicale dei Cori del Trentino ed assaggiare i formaggi prodotti con il latte delle Malghe del Monte Baldo, abbinati al vino Enantio.

Nonostante la tempesta della notte precedente sconsigliasse la presenza in quota, per quattro volte – alle Malghe Tret, Dossioli, Artilone e Prà Alpesina, sopra Avio – i Cori San Osvaldo di Roncegno Terme e Soldanella di Brentonico hanno ricevuto entusiastico apprezzamento dei numerosi spettatori letteralmente affascinati dal programma di melodie classiche e moderne, dolci e romantiche, allegre e drammatiche. Appunto, come è stata nei secoli la vita in montagna.

“Di Malga in Malga, cantando e degustando” si è così confermato momento ideale per la promozione del territorio e dei suoi prodotti, confermando il valore del progetto Baldo Speziale che punta a valorizzare le peculiarità del Fiordo delle Alpi, il massiccio montuoso che divide lago di Garda e valle dell’Adige Il pubblico ha ascoltato, stupito, in religioso silenzio i brani, suggellati al termine da fragorosi applausi.

Per oltre un’ora, in ogni esibizione, i due Cori hanno proposto un connubio di melodie, storie, tradizioni ed emozioni capaci di trascinare i presenti, giovani ed anziani. Ed così, molti tra gli spettatori si sono sorpresi a cantare le melodie proposte dalle due formazioni corali, entrambe con importanti presenze a livello internazionale anche su palcoscenici d’oltre Atlantico. A caratterizzare ogni appuntamento è stato lo scenario unico e affascinante della montagna che unisce Trentino e Veneto e capace, da solo, di emozionare.

E’ stato così con la Montanara, il brano creato nel 1927 dall’alpinista Toni Ortelli e ormai considerato alla stregue di un inno della montagna, e ancora per Dolomiti, la melodia dedicata alle montagne più dolci della terra o dell’Inno del Trentino. Brani che hanno entusiasmato i turisti e richiamato alla mente momenti di vita d’altri tempi. Sono state Verona, Mantova, Brescia, Vicenza, Bergamo, ma anche Padova, Modena, Parma, Reggio Emilia e Ferrara, le città maggiormente rappresentate dagli ospiti. Unanime l’apprezzamento: per le esibizioni dei due Cori San Osvaldo di Roncegno Terme (diretto dal maestro Salvatore La Rosa con vicemaestro Giulio Nervo e Ivano Zottele) e Soldanella di Brentonico (maestro Andrea Schelfi e presidente Giordano Manzani), ma anche per la produzione del caseificio di Sabbionara d’Avio e per il vini della Cantina Viticoltori in Avio, come pure per gli Sfizzi del panificio Zorzi. Vere carezze per il palato. E proprio le Carezze sono state il bis chiesto, e ottenuto, a gran voce dal pubblico al Coro San Osvaldo.

E’ seguito un applauso scrosciante come avvenuto in precedenza con l’esecuzione de La Valsugana. Dal Coro Soldanella è prima arrivato l’omaggio alla sponda veronese con Me compare Giacometo e poi l’inno della Montagna, Monte Baldo. A sottolineare il valore dell’appuntamento è stato il vicesindaco Federico Secchi. In un breve intervento a Malga Dossioli, dopo essere stato premiato dal presidente Ivano Zottele, ha ricordato l’importanza di promuovere il territorio storicamente legato alla zootecnica, alla produzione di latte e formaggio e oggi alla ricerca di una nuova identità che sappia coniugare in maniera positiva enogastronomia e turismo.

La scoperta delle malghe del Baldo sopra Avio e della bontà dei prodotti caseari e vitivinicoli del territorio proseguirà anche domenica 7 agosto con un trekking tra le malghe Pian della Cenere, Lavacchio e Fassole, con un mini trekking a piedi, di impegno fisico limitato, alla scoperta dell’ambiente naturale. Al termine ancora una volta degustazione di formaggi e vino. Si concluderà così la serie di eventi promossi dal Comune di Avio per Baldo Speziale e aperta nelle scorse settimane con il doppio appuntamento Melodie di Vite nelle cantine Viticoltori in Avio e Roeno a Brentino Belluno. Baldo Speziale è la rassegna nata allo scopo di far ulteriormente scoprire al pubblico questa fantastica area naturalistica, le sue piante officinali, il patrimonio costituito dalle Malghe e la straordinaria produzione di formaggi abbinata ai vini della Terra dei Forti. Insomma, far conoscere l’inestimabile patrimonio naturalistico ed enogastronomico che caratterizza il millenario Fiordo delle Alpi affacciato sul lago di Garda, e da sempre suggestiva cornice ambientale dove camminare su sentieri immersi tra rododendri, orchidee, nigritelle, genziane e anemoni, capaci di farci ricordare come, nella cromoterapia, il verde è il colore dell’armonia. Un bagno di natura con effetti positivi su corpo e mente. Il Monte Baldo, appunto. Da luglio a settembre i quattro Comuni di Ala, Avio, Brentonico e Nago tornano così ad ospitare la serie di eventi voluti dal Patto Baldo-Garda in collaborazione con l’ApT Rovereto e Vallagarina.